Home Tipologia di interventi Riabilitazione psicosociale

Riabilitazione psico-sociale

Email Stampa PDF
Si tratta di interventi rivolti a persone che soffrono di un disagio psichico importante, i cui effetti implicano difficoltà di carattere relazionale e sociale. 
 
Spesso infatti psicosi e gravi depressioni comportano la progressiva perdita della capacità di perseguire i propri progetti di vita, di studio o lavorativi; ugualmente ne risentono i rapporti familiari e quelli di amicizia e non di rado le persone che soffrono di questi disturbi si ritrovano in una sorta di limbo, di “vuoto” che sembra paralizzare ulteriormente loro e chi sta loro vicino.
 
In tali situazioni, se l’aiuto dei farmaci è il più delle volte indispensabile, non è tuttavia sufficiente: è opportuno invece che sia integrato con un lavoro riabilitativo, ossia con l’affiancamento di operatori specializzati che aiutino l’individuo sofferente a riflettere e a trovare soluzioni su cosa non ha funzionato in passato riprogettando la propria quotidianità in maniera adeguata alle sue possibilità e ai suoi bisogni specifici.
 
In altre parole un’analisi corretta dei bisogni prioritari, soprattutto nel momento in cui esiste una situazione deficitaria, consentirà di farsi carico insieme al paziente del suo deficit e di sostenerne il funzionamento, garantendogli così lo spazio necessario per un progresso evolutivo che lo sottragga dalla situazione di paralisi in cui si trova. Tali interventi, integrati con quelli psichiatrici, possono essere svolti anche a domicilio.
 

IN PRIMO PIANO

La Ri-Vista { psi [
 
E' disponibile il Numero 1 della La Ri-Vista { psi [ edita dall'Associazione Culturale Studio12.
 
“..quando il bambino era bambino non aveva opinioni su nulla,
non aveva abitudini, sedeva spesso con le gambe incrociate,
e di colpo si metteva a correre, aveva un vortice tra i capelli
e non faceva facce da fotografo…” (Peter Handke)
Qui si trova La Ri-vista { psi [  , con parentesi bislacche che aprono e non riescono a chiudere. Perché la vera ricerca è quella che non è ancora finita, quella del bambino che non fa le facce da fotografo.